venerdì 25 agosto 2017

Le visite celesti riportate dagli scribi dell'Antico Egitto

Per gli archeologi, la costruzione delle colossali piramidi egizie continua a sollevare numerose domande attraverso le quali ci si chiede qual è stata quella forza sovrumana ad aver consentito la costruzione di edifici colossali in un'epoca in cui non si conoscevano ancora le potenzialità della ruota?
E se tali ciclopiche pietre fossero state innalzate con l'aiuto di una tecnologia extraterrestre? Per gli scienziati mainstream la Grande Piramide non è altro che una tomba. Eppure all'interno di essa non sono state trovate mummie e geroglifici che potessero suggerire e avvalorare il vero scopo delle Piramidi, in particolar modo quello della Grande Piramide di Giza.Quando si parla dell'antico Egitto, non possiamo non chiederci come quella gente sia riuscita a costruire le Piramidi senza peraltro fare ricorso ad avanzate tecnologie senza le quali non avrebbero mai potuto erigere monoliti di centinaia di tonnellate . 
Come sono riusciti a trasportare i giganteschi blocchi di pietra, alcuni dei quali pesanti più di 50-60 tonnellate? Bisogna tenere presente che le cave di pietra più vicine alla piana di Giza si trovavano a più di 300 chilometri di distanza. Ma soprattutto, come hanno fatto gli antichi egizi a squadrare in modo perfetto i giganteschi blocchi di granito? Alcuni geroglifici davvero fuori tempo descrivono figure che potrebbero essere interpretate come veicoli volanti, esseri alieni e persino giganti. Ci sono, tuttavia, molte spiegazioni meno fantasiose circa il significato di tali simboli. Tuttavia, alcuni di questi geroglifici potrebbero nascondere prove sufficienti per suggerire che gli alieni avrebbero potuto avere un ruolo importante con l'antico Egitto.

Nessun commento :

Posta un commento

Un caffe' e' ben accetto

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...