sabato 16 aprile 2016

La Bibbia è molto più antica di quanto ritenuto finora

Bibbia
Un algoritmo sta aiutando gli scienziati a decifrare le origini della Bibbia. La nuova ricerca suggerisce che la Bibbia fu composta molto prima di quanto gli esperti avevano stabilito facendola risalire a epoche molto più remote .
Attraverso una tecnologia all'avanguardia applicata attraverso le analisi delle iscrizioni individuate su alcuni frammenti venuti alla luce dalle rovine di una fortezza nel deserto della Giudea gli scienziati intendono mettere in luce l'elevato livello di alfabetizzazione risalente molti secoli prima che venissero scritti i sacri testi della Bibbia, in un'epoca antecedente la caduta di Gerusalemme avvenuta nel 586 aC. 
"E 'ben noto che la Bibbia non è stata scritta in un'unico periodo, ma attraverso la raccolta di vari testi antichi che nel corso della storia hanno subito delle modifiche", ha dichiarato Arie Shaus, un matematico che lavora presso l'Università di Tel Aviv. 
"La domanda è: quando è antico veramente l'antico Testo ?" .
Arie Shaus fa parte di un gruppo di studiosi che cercano di risolvere il problema in modo radicale utilizzando strumenti come il riconoscimento intelligente del testo in modo da poter determinare quante persone avrebbero potuto scrivere in tempi cosi' antichi. Dalle prime analisi pubblicate sulla rivista scientifica della National Academies of Sciences, è emerso che il livello di alfabetizzazione era molto elevato nel regno di Giuda, il che potrebbe essere coerente con la stesura dei testi sacri. Molti studiosi concordano sul fatto che alcune delle composizioni bibliche che formano la pietra miliare della teologia risalente al regno d'Israele compreso il libro di Giosuè, e i due libri dei Re, della Genesi e Deuteronomio, potrebbero essere stati scritti durante quello che è conosciuto come il tardo periodo del primo Tempio ancor prima che Gerusalemme cadesse nelle mani del re babilonese Nabucodonosor II. 
Ma le circostanze su come questi testi sono stati scritti o quanti fossero gli effettivi autori, rimane un mistero. È interessante notare, che alcuni testi che non hanno nulla di sacro potrebbero chiarire definitivamente la questione.
Utilizzando sofisticate tecniche di elaborazione delle immagini e uno strumento di riconoscimento della scrittura, i ricercatori hanno esaminato 16 iscrizioni rinvenute tra le rovine della fortezza di Arad, un antico edificio sperduto nel deserto a ovest del Mar Morto. 
Le iscrizioni sono state scritte su dei manufatti in ceramica chiamati ostraca la cui datazione risalirebbe al sesto secolo aC e sulle quali sono state individuate delle incisioni scritte dai comandi militari dell'epoca affinché venissero evasi gli ordini di fornitura . "I comandanti militari erano soliti rivolgersi verso i padroni dei pozzi d'acqua affinché tutti potessero comunicare per iscritto. Questa scoperta rappresenta un risultato estremamente importante ", ha affermato lo studioso Arie Shaus in una sua intervista .Condividendo la sua teoria sul sito gizmodo.com, Christopher Rollston , esperto di archeologia e studi biblici presso la George Washington University ha dichiarato: 
"Questo è uno studio altamente innovativo e importante allo stesso tempo per cui ritengo che l'alfabetizzazione era limitata solo a gruppi d'elite , come gli scribi, alti funzionari militari e sacerdoti ", suggerendo che dalla fine del periodo del primo Tempio, è molto probabile che la lettura e la scrittura sia stata estesa ad alte classi superiori. Le scoperte supportano l'idea che la Bibbia avrebbe potuto essere un'enorme composizione di testi antichi, creati a suo tempo da molteplici autori che successivamente sono stati rilegati in una sola opera letteraria come molti studiosi hanno creduto in precedenza.
ancient-code

Nessun commento :

Posta un commento

Un caffe' e' ben accetto

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...