venerdì 30 ottobre 2015

Iperborei, una razza extraterrestre sulla Terra.

IperboreaSecondo un'antica tradizione tibetana "L'Isola Bianca" (Iperborea) e' l'unico luogo della Terra ad essere sfuggito alla tragica sorte a cui sono andati incontro gli altri continenti scomparsi improvvisamente a seguito di una grande catastrofe.
Il regno di Iperborea non è stato distrutto dall'acqua o dal fuoco, come è avvenuto sulla Terra esterna anche se una ricerca condotta su alcuni antichi testi greci e sumeri rivela che nessun continente o isola leggendaria corrisponde al mondo perduto di Iperbórea, che avrebbe occupato una parte delle attuali regioni artiche, prima della modifica dell'asse terrestre che avrebbe determinato sul nostro pianeta una seconda glaciazione . 
Questa fiorente civiltà risalente a più di 60.000 anni fa, avrebbe prosperato durante il periodo interglaciale. 
I Greci custodirono gelosamente la memoria di questo "Land of Eternal Sunshine" che si estende "oltre la divina Borea" abitata dal Signore del freddo e delle tempeste. 
I risultati di una recente ricerca sono coerenti con le storie arcane che si sono preservate nel tempo . 
Le vecchie storie raccontano che la prima civiltà a fare la sua comparsa sul pianeta ha avuto origine nel lontano nord prima ancora dell'avvento di una nuova era glaciale. 
Alcune leggende fanno riferimento a un uomo figlio degli antichi Dei il quale scese sulla Terra trovando riparo sul Monte Meru, nell'estremo nord. 
Friedrich Nietzsche, uno dei filosofi più influenti nell'esaltazione della razza ariana e il nazismo aveva sostenuto con forza l'esistenza di Iperborea.
Purtroppo, come nel caso di Nietzsche, la maggior parte degli studiosi della civiltà di Hiperbórea avevano una visione razzista del genere umano oltre ad avere forti inclinazioni naziste. 
La parola Hiperbórea non è sufficientemente chiara visto che deriva dal greco antico e significa "al di là del Vento del Nord (Polo Nord)."  In questo favoloso regno di eterna primavera, il sole brillava 24 ore al giorno.
Era praticamente impossibile arrivarci, perché questa regione era protetta da enormi pareti di ghiaccio trasparente e non poteva essere raggiunto con mezzi di trasporto convenzionali poiché questo enigmatico "paradiso" era sorvegliato da potenti razze di esseri celesti chiamati iperborei. 
Gli appartenenti a questa civiltà avanzata sono stati descritti in molte culture antiche come esseri molto alti, dagli occhi azzurri, biondi e di carnagione chiara.
Questi esseri riuscirono a sviluppare avanzate società ben strutturate e organizzate che riuscirono ad eccellere per via delle loro conoscenze scientifiche. I suoi abitanti vivevano in uno stato di luce permanente e di amore.
In realtà questi esseri appartenevano a una razza superiore particolarmente pacifica. 
Il loro concetto di lavoro era impareggiabile. Questi esseri godevano dell'eterna giovinezza oltre ad essere altamente psichici. Un'altra parte della storia greca collega Iperborea con la fondazione di alcuni importanti santuari religiosi nell'antica Grecia. Questi scritti decrivono come questo regno era collegato da una serie di tunnel ramificati all'interno del nostro pianeta. 
Diverse antiche culture di tutto il mondo concordano nei loro antichi scritti attraverso i quali si evince che l'umanità ha avuto origine dalla civiltà degli Iperborei un'antica razza che ha avuto la stessa origine extraterrestre degli abitanti di Atlantide e Lemuria. Oggi una parte di questa civiltà si nasconde ancora all'interno del nostro pianeta.
Gli scienziati hanno confermato di aver rilevato delle aperture ai poli che potrebbero servire da portali d'accesso per un avanzato mondo nascosto. Considerando questa teoria, l'antica leggenda greca avrebbe senso. 
Alcuni ricercatori sostengono che per un certo periodo di tempo gli Iperborei avrebbero vissuto con altre razze come i Lemuriani e gli Atlantidei con i quali ebbero un'intensa relazione in qualita' di  alleati con i quali scambiare parte delle loro conoscenze scientifiche e astronomiche.
In primo luogo, Hiperbórea non è una leggenda come molti potrebbero credere, visto che gli appartenenti di questa civiltà esistono ancora oggi.
Bisogna ricordare che questa regione, così come i due continenti "scomparsi" non hanno cessato di esistere dal momento che i loro edifici si nascondono nel profondo oceano come è stato dimostrato di recente. Molti ipotizzano che questi continenti potrebbero riemergere dalle profondità del mare con tutte le loro magnificenze architettoniche. 
Inoltre, non tutti gli Iperbórei sono scomparsi durante la grande catastrofe, visto che una parte della loro società si mise al sicuro dopo essere stata avvertita dell'imminente distruzione . 
Tutto questo è successo prima che i due continenti (Lemuria e Atlantide) e la regione di Iperborea venissero inghiottiti dalle acque a seguito di uno spostamento dell'asse terrestre. 
A seguito della catastrofe alcuni Iperborei si trasferirono in varie parti del mondo, uno di questi è il Monte Shasta in California. 
Alcuni di questi discendenti, infine, nel corso della nostra storia sono tornati tra noi adattandosi alle diverse società del mondo. 
Nel migrare verso terre più meridionali, l'incrocio con altri gruppi etnici di diverse regioni del pianeta, come ad esempio l'Islanda e l'Europa continentale, così come le terre dell'India, dell'Himalaya e del continente americano, condivisero con il genere umano le loro avanzate conoscenze di matematica, la sapienza esoterica e l'astronomia.
Fonte di riferimento:saikumisterios

Nessun commento :

Posta un commento

Un caffe' e' ben accetto

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...