domenica 14 giugno 2015

L'istituto Smithsonian ammette la distruzione di migliaia di giganteschi scheletri umani

skull- Smithsonian
Una sentenza della Corte Suprema ha costretto l'istituto Smithsonian a rilasciare alcuni documenti classificati che risalgono agli inizi del 1900 che dimostra come l'organizzazione è stata coinvolta in un grande storico occultamento di prove che dimostrano l'esistenza di giganteschi scheletri umani .

skull-2
Decine di migliaia di questi scheletri sono stati scoperti in tutta l'America per poi essere distrutti dagli amministratori di alto livello al fine di proteggere la cronologia corrente dell'evoluzione umana. Le accuse rivolte dalla dall'Istituzione americana Alternative Archeology (AIAA) indicano che la Smithsonian Institution aveva distrutto migliaia di giganteschi resti umani durante i primi del 1900. Queste accuse non sono state prese alla leggera dalla Smithsonian che ha risposto facendo causa all'organizzazione per diffamazione per aver cercato di danneggiare la reputazione dell'istituzione vecchia di 168 anni.
Durante il procedimento giudiziario, nuovi elementi sono stati portati alla luce visto che molti informatori della Smithsonian hanno ammesso l'esistenza di documenti che presumibilmente riportavano la distruzione di decine di migliaia di scheletri umani che raggiungevano un'altezza tra i 6 piedi e 12 piedi .
 Questa realtà archeologia  non può essere accettata per ragioni diverse, afferma il portavoce AIAA, James Churward.
«C'è stata una grande copertura da parte  delle istituzioni archeologiche occidentali da quando agli inizi del 1900 ci volevano far credere che l'America fu colonizzata dai popoli asiatici che migrarono attraverso lo stretto di Bering 15.000 anni fa, quando in realtà, ci sono centinaia di migliaia di sepolture e tumuli in tutta l'America, che fanno intendere che i nativi vivevano in quei luoghi da  un lungo periodo di tempo, ancora prima dell'arrivo di popoli asiatici. 
In questi luoghi sono state scoperte delle tracce che mostrano le vestigia di una civiltà altamente sviluppata capace di fare un uso complesso di alcune leghe metalliche. Queste tracce sono state scoperte in prossimità dei luoghi di sepoltura dei giganteschi resti scheletrici umani, anche se queste sensazionali scoperte non sono mai state riportate dai media e dalle agenzie di stampa »ha spiegato il portavoce dell' AIAA.
Un punto di svolta del caso giudiziario è stato quando un lungo femore umano lungo 1,3 m. è stato mostrato come prova in un tribunale suggerendo l'esistenza di enormi ossa umane. 
La prova evidente è risultata un duro colpo per gli avvocati della Smithsonian visto che l'osso era stato rubato nel 1930 da uno dei curatori di alto livello della Smithsonian, che aveva tenuto nascosto l'osso per tutta la vita, il quale aveva ammesso per iscritto sul letto di morte di alcune operazioni sotto copertura condotte dall'Istituto Smithsonian.
«E 'una cosa terribile quello che è stato fatto per il popolo americano», ha scritto nella sua lettera. 
«Stiamo nascondendo la verità sui nostri antenati, i giganti che popolavano la terra come ricordato nella Bibbia e nei testi antichi più antichi del mondo».
Dal momento che la Corte Suprema degli Stati Uniti ha costretto la Smithsonian Institution a rilasciare pubblicamente le informazioni classificate su tutto ciò che riguarda la "distruzione di elementi di prova relativi alla cultura degli antichi costruttori di tumuli" e di elementi "relativi ad alcuni scheletri umani di un'altezza maggiore del solito", questa sentenza ha lasciato entusiasti i ricercatori alternativi del gruppo  AIAA .
«Il rilascio pubblico di questi documenti aiuterà gli archeologi e gli storici a rivalutare le attuali teorie sull'evoluzione umana permettendoci una maggiore comprensione della cultura dei costruttori di tumuli scoperti in America e in tutto il mondo», ha spiegato il direttore AIAA, Hans Guttenberg. 
«Finalmente, dopo oltre un secolo di menzogne, la verità sui nostri giganteshi antenati sarà rivelata al mondo» ammette il direttore visibilmente soddisfatto  dalla sentenza emessa dal tribunale. I documenti sono in programma per essere rilasciati entro il 2015 e l'operazione sarà coordinata da un'organizzazione scientifica indipendente per garantire la neutralità politica.

1 commento :

  1. http://mjacksonlafintamorte.altervista.org/m-jackson-messaggi-subliminali-al-cinema-parte-2/

    RispondiElimina

Un caffe' e' ben accetto

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...