sabato 20 dicembre 2014

Qual’era l'obiettivo principale della TASK FORCE 20?

SoldiersinMuseum-Task Force 20 iraq stargate
Molti teorici della cospirazione ritengono che il vero scopo della guerra in Iraq era che governo degli Stati Uniti era seriamente intenzionato di mettere le mani su antiche e segrete tecnologie che si nasconderebbero ancora da qualche parte nel centro dell'Iraq . Lo scopo dell’intervento militare,quindi, era quello di cercare una sorta di stargate abbandonato dagli Anunnaki ', gli antichi dei della Sumeria .
Task Force 20 iraq stargate
 Lo scenario proposto da questa teoria ci fa tornare indietro nel tempo quando Nibiru (il presunto "dodicesimo pianeta" ) era giunto in prossimita’ della Terra,consentendo agli Anunnaki di cogliere l'occasione per atterrare sul nostro pianeta attraverso lo stesso stargate allestito in seguito in un loro accampamento nell’antico Iraq. Potrebbe essere questo uno dei motivi che ha costretto il presidente Bush ad invadere con tanta fretta il bellicoso Iraq? 
Gli scienziati americani avrebbero fatto del tutto affinche’ il museo nazionale iracheno non venisse distrutto in modo da appropriarsi dello stargate e frustrando in questo modo le ambizioni grandiose sulla reincarnazione di Nabucodonosor a cui aspirava il dittatore Saddam Hussein, e rendere il mondo sicuro per il nuovo Ordine Mondiale. 
Tutto questo appartiene al sequel del film di Stargate o e’ un nuovo episodio della famosa serie tv di Star Trek? 
No, nessuna di tutte queste. Secondo il dottor Michael Salla, probabilmente è esattamente quello che è successo! Il Dr. Salla, un cittadino australiano, ha ottenuto il suo master in filosofia presso l'Università di Melbourne e poi nel 1993 il dottorato (Ph.D.) in Government presso l'Università di Queensland .
Dopo aver trascorso due anni come associato presso il Centro Australiano per gli studi mediorientali e per l'Asia central , si e’ iscritto alla facoltà del Dipartimento di Scienze Politiche dell'Università Nazionale Australiana di Canberra come docente. Nel 1996, giunto negli Stati Uniti ha occupato la cattedra come accademico presso la Scuola di Servizio Internazionale dell'American University di Washington, DC, dove rimase fino al 2001. 
Egli ritiene che gli Stati Uniti, Russia, Germania e Francia sono ben consapevoli del fatto che gli Anunnaki avrebbero lasciato in Iraq qualche apparato molto high-tech e forse delle terribili armi prima di abbandonare la Terra intorno al 1.700 aC, e che per anni Saddam Hussein e’ stato assistito dai russi, da squadre di archeologici tedeschi e francesi nel tentativo di svelare, e forse decodificare queste apparecchiature, che secondo il Dott. Salla le loro origini risalirebbero a un periodo antecedente alla comparsa della razza umana,probabilmente molto prima della comparsa sulla Terra di qualsiasi altra tecnologia e prima ancora dello sviluppo dei Grigi di Zeta Reticuli " alcuni dei quali sarebbero custoditi nella famosa Area 51 in Nevada .
Alcuni membri della comunità UFO del Medio Oriente teorizzano che la Task Force 20, avrebbe condotto dei raid di commando a nord di Baghdad prima di lasciare il Paese ,alla ricerca di questo stargate oltre a cercare lo sfuggente ex dittatore Saddam Hussein.Secondo Mahmoud al-Diwaniyahi, lo stargate alieno potrebbe nascondersi in una delle diverse località che caratterizzano l’aspro territorio Iracheno. 
Alcune luoghi dove potrebbe nascondersi lo Stargate:
Una antica cripta sotto la ziqqurat sumera (piramide) di Dur Kurigalzu, nei pressi di Baghdad. 
  • Il cosiddetto "Dark Ziqqurat" di Enzu, situato nella as-Zab as-Saghir (piccola Zab) la valle del fiume che una volta era il covo di Gimil-Ishbi, uno stregone sumero vissuto nel 3.000 aC. 
  • Sotto l'antica fortezza di Qalaat-e-Julundi, nei pressi ZARZI nella valle del Piccolo fiume Zab , a nord di Mosul.
La famosa base sotterranea di Saddam di Al-Ouja, a 3 chilometri (2 miglia) a nord di Tikrit, che è stata costruita appositamente per il dittatore dagli "alieni ZARZI," extraterrestri la cui navicella era precipitata in Iraq nel mese di dicembre 1998 e donata in seguito al santuario di ZARZI da Saddam.
Mahmoud al-Diwaniyahi riferisce che la Task Force 20 è stata implacabile nel cercare lo Stargate, anzicche’ occuparsi di Saddam che stava fuggendo dalla cattura evitando di rimanere per non più di tre o quattro ore nello stesso posto. 
Rispetto ai residenti (iracheni), che per far fronte al calore di 120 gradi, preferivano rimanere in ombra e vestirsi con abiti leggeri e sandali, i soldati americani avevano l'aspetto di alieni robotici mentre erano impegnati di pattuglia sotto il sole di mezzogiorno indossando stivali da combattimento, caschi e giubbotti corazzati .Una delle piu’ inquietanti leggende metropolitane è quella relativa alle "vittime nascoste” secondo la quale alcuni alieni amici di Saddam usarono la loro bioingegneria per creare scorpioni giganti. 
Le voci di queste creature viste in as-Zab as-Saghir prima della guerra," riferivano che alcuni americani sarebbero stati uccisi da queste terribili creature mentre a Falluja si parlava sull’insolita attivita’ dei soldati americani che si riteneva nascondessero le loro perdite di vite umane nello scarico di rifiuti o gettando nel fiume Tigri un gran numero di corpi di soldati .

1 commento :

  1. Non si apre l'intero testo e si leggono solo le prime 8 righe.

    RispondiElimina

Un caffe' e' ben accetto

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...