martedì 25 marzo 2014

La creazione del codice binario ispirato all'oracolo dello I-Ching o Libro dei Mutamenti vecchio di 5,000 anni

Una rappresentazione di I-Ching trigrammi ed esagrammi.  fonte  foto
Il sistema numerico binario - dove ogni posizione è scritta come un 0 o 1 - costituisce la base di tutti i moderni sistemi informatici. In sostanza, il codice binario produce una rappresentazione della realtà,che consente di veder le immagini digitali su schermi LCD,ascoltare la musica  su CD, e i film che guardiamo. 
A volte è difficile concepire che possiamo ricostruire le scene di tutto il mondo e svolgere funzioni di calcolo molto avanzate utilizzando solo due numeri. Uno dei più famosi matematici del 17 ° secolo, Gottfried Wilhelm Leibniz, è considerato l'inventore di questo importante sistema numerale. Anche se gli indigeni della remota isola di Mangareva usavano un tipo di sistema binario per i loro sistemi di trading secoli prima della scoperta di Leibniz, data la loro lontananza è probabile che Leibniz si avvicinò a Mangareva che è una piccola isola di 18 chilometri quadrati che si trova a metà strada tra Isola di Pasqua e Tahiticon con un proprio codice binario indipendente .Come ha fatto Leibniz a scoprire un codice che costituisce il fondamento di ogni sistema informatico di tutto il mondo?  Secondo David Walter , autore della colonna 'cose strane' sul Guardian, Leibniz ha ricevuto la sua ispirazione da un antico testo cinese di 5,000 anni noto come I-Ching, o Libro dei Mutamenti.
Il libro dei I-Ching è uno dei più antichi testi classici cinesi e sistemi di divinazione ed è pensato per pre-datare la storia.  Anche se il manoscritto più antico che è stato trovato risale al periodo degli Stati Combattenti (475-221 aC), i racconti tradizionali cinesi affermano che le sue origini risalgono al 3 ° millennio aC ed è stato tramandato come tradizione orale.
Un antica leggenda cinese narra che I Ching hanno avuto origine dal mitico Fu Xi, uno dei primi leggendari sovrani della Cina (2800 aC-2737 aC), noto per aver avuto la rivelazione soprannaturale degli 8 trigrammi.
 Al tempo del leggendario Yu 2194 aC - 2149 aC, i trigrammi erano presumibilmente stati sviluppati nei famosi 64 esagrammi del I-Ching. La linea continua rappresenta  Yang, il principio creativo, mentre la linea aperta rappresenta Yin, il principio ricettivo. Insieme, esprimono l'idea della complementarietà delle modifiche. Gli esagrammi combinano due trigrammi insieme. Con sei tali linee in pila dal basso verso l'alto ci sono 64 possibili combinazioni, e quindi la rappresentazione di 64 esagrammi, ognuno con il proprio significato e interpretazione.Nell’antichità per interrogare lo Yi Jing gli indovini utilizzavano la tartaruga, da lungo tempo questo metodo ha ceduto il passo a una tecnica più maneggevole quella dei 50 steli di achillea che, a sua volta, è sovente rimpiazzata con la tecnica delle 3 monete. Walter spiega che i 64 esagrammi pretendono di rappresentare le situazioni archetipiche della vita umana stessa: «Nella filosofia dello I-Ching, la realtà non è del tutto vera.E 'qualcosa di più come un sogno o un'illusione. Questo sogno della realtà deriva dai codici binari di Yin e Yang, con le loro infinite combinazioni. Non sorprende, allora, dal punto di vista dello I-Ching, che nulla nel sogno della realtà può essere rappresentato come un modello dei suoi componenti binari, in una serie di 1 e 0, elaborato da un computer. " Leibniz era talmente influenzato dalle filosofie radicate all'interno dello I-Ching, che ha intitolato il suo articolo sulla nuova aritmetica:"Spiegazione della aritmetica binaria, che utilizza solo i caratteri 1 e 0, con alcune osservazioni sulla sua utilità, e la nuova luce che getta sulle antiche figure cinesi di Fu Xi ". Secondo Walter, l'intuizione di Leibniz dell'oracolo I-Ching era che anche l'aspetto più complesso della realtà potrebbe potenzialmente essere rappresentato in forma binaria come 1 e 0. Nel suo articolo "Spiegazione dell'aritmetica Binaira" del 1703 Leibniz scrisse di aver trovato negli esagrammi una base per rivendicare l'universalità del sistema numerico binario. Egli ha preso i modelli degli esercizi combinatori trovati negli esagrammi per rappresentare sequenze binarie, in modo che | | | | | | corrisponderebbe alla sequenza binaria 000000 e | | | | | | sarebbe 000001, e così via. E 'sorprendente considerare che il fondamento di ogni dispositivo di calcolo attualmente in uso ha la sua radice nell'antico testo divinazione dell'IChing.

Nessun commento :

Posta un commento

Un caffe' e' ben accetto

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...