venerdì 31 maggio 2013

Il Dilemma Matrix-Gli esseri umani farebbero parte di un gioco computerizato di Esseri superiori?

C'è una possibilità concreta che l'universo, la nostra vita, e tutto intorno a noi facciano parte di una vasta simulazione olografica vivente e in 3D condotta da "qualcuno" a noi invisibile che e' superiore a tutto quello da noi conosciuto nell'universo!
La morte è solo un'illusione: continuiamo a vivere in un universo parallelo
Il nostro cervello è una macchina olografica esistente in un universo olografico e Facciamo parte dell'ultimo gioco al computer.
I pensatori antichi avevano meditato sul dilemma - l'universo che attualmente abitiamo è una simulazione numerica effettuata dai nostri lontani discendenti?
Una vasta letteratura scientifica è dedicata all'esplorazione dei vari aspetti del nostro universo come una simulazione al computer. Gli scienziati moderni riflettono seriamente su un enigma scientifico: È tutto solo una vasta simulazione perfetta; non c'è nulla di reale?
Già nel 2003, il professor Nick Bostrom presso l'Università di Oxford aveva suggerito che si potrebbe vivere in una simulazione al computer .
Egli aveva dichiarato che almeno uno delle seguenti tre proposizioni devono essere vere:
1. Quasi tutte le civiltà alla pari del nostro livello di sviluppo si estinguono prima di diventare tecnologicamente mature.
2. La frazione di civiltà tecnologicamente mature che sono interessate a creare simulazioni antenate corrisponde a zero.
3. Quasi certamente stiamo vivendo in una simulazione al computer.
Ora, un gruppo di scienziati guidati dal fisico nucleare Silas Beane presso l'Università di Bonn, avevano sviluppato un test in grado di verificare, se davvero viviamo in un mondo virtuale simulato.
Il gruppo di Beane era consapevole di non avere sofisticati metodi di simulazione, gli algoritmi e il materiale necessario per simulare l'universo quantistico su larga scala.Tali mezzi sofisticati sono ancora sconosciuti. Ancora, gli scienziati sono in grado di rendere tali simulazioni in una microscopica versione dell'universo collocandolo al femto scala, che è più piccola del nano-scala e in cui lo spazio-tempo è sostituito da un reticolo, (simile alla carta millimetrata 3D) per monitorare la forza nucleare in un atomo e come funziona nel tempo su questa scala.  Come la scala diventa sempre più piccola, la simulazione alla fine pone un limite sulla quantita' delle particelle energetiche.
"E 'possibile che alcuni degli ingredienti utilizzati nelle attuali simulazioni di campi quantistici possono rimanere in uso, o sono usate in altri universi, e quindi ci concentriamo su un solo aspetto: la possibilità che le simulazioni del futuro impiegano un reticolo cubico sulla sottostante struttura ", Secondo Beane, una simulazione dell'universo, non importa quanto complesso, avrebbe dei vincoli per essere rivelata. "Lo scenario della simulazione numerica potrebbe rivelarsi in distribuzioni dei raggi cosmici di altissima energia che presentano un grado di rotazione e rottura della simmetria che riflette la struttura del reticolo di fondo", hanno affermato gli scienziati. Con i successi attuali degli algoritmi ad alte prestazioni (HPC) è ora possibile simulare la cromodinamica quantistica (QCD), la forza fondamentale della natura che dà origine alla forza nucleare tra protoni e neutroni, e ai nuclei e alle loro interazioni. L'idea si basa sul presupposto che chi ha creato la nostra vita Generata dal computer compreso la nostra esistenza e il nostro universo - ci ha costruito nello stesso modo in cui costruiamo la nostra.
Se quei invisibili e superiori maestri del computer ci hanno costruito in un modo diverso per fare le cose,possiamo notare che c'è qualcosa di molto sbagliato che si relaziona con il "nostro mondo" e con questa matrice in cui viviamo! L'idea che potremmo fare parte di una simulazione al computer molto sofisticato ci pone di fronte ad alcuni temi sensibili e ci potrebbe vedere costretti a mettere in discussione la natura della morte e anche della figura di Dio. Ich Terrell, del Jet Propulsion Laboratory della NASA,presso il California Institute of Technology crede che stiamo vivendo all'interno di una matrice e l'essere che noi chiamiamo Dio in realta' non è altro che un programmatore.
"Quali sono i requisiti per essere considerato un Dio?
Dio è una entita' inter-dimensionale essendo collegato con tutto l'Universo, un creatore che in qualche modo sarebbe stato in grado di cambiare le leggi della fisica, se avesse voluto. Penso che quelli sonoi requisiti per essere Dio", ha dichiarato Terrell. Il dilemma Matrix fa anche a riflettere sulla realtà della morte. Si e' molto discusso sulla teoria di Robert Lanza che la morte potrebbe essere solo un'illusione suggerendo che noi continuiamo ad esistere in un universo parallelo. Ora, supponiamo per un momento che siamo niente di più che ologrammi esistenti in una simulazione al computer. Se questo fosse vero, cosa succede quando moriamo? saremmo semplicemente "cancellati" dal programma come se "qualcuno" dovesse premere il tasto di cancellazione?
Questi sono interrogativi affascinanti e stimolanti che ci inducono a conoscere la verità. Ma è davvero possibile verificare la teoria dell'universo olografico o saranno i nostri scienziati a eseguire una simulazione all'interno di una simulazione?

1 commento :

  1. Its like you read my mind! You seem to know so much about
    this, like you wrote the book in it or something. I think that you can do with a few pics to drive the message home a little bit, but other than that, this is excellent blog.
    A great read. I will definitely be back.

    my website ... cellulite treatment reviews

    RispondiElimina

Un caffe' e' ben accetto

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...