giovedì 4 ottobre 2012

Il Popolo "Ant" nella tradizione degli Hopi

Post taken from this link  
by  GARY A. DAVID
post a scopo divulgativo senza fine di lucro,ai sensi art.2 comma 1-bis, art. 70 del Fair Use
Nel sud-ovest americano si trovano petroglifi (incisioni rupestri) o pittogrammi (pitture rupestri) che rappresentano delle entità con lunghi corpi sottili, occhi grandi, e delle antenne sporgenti dalle grandi teste. Queste strane figure appaiono spesso in una "posizione di preghiera", appoggiate con i gomiti e le ginocchia ad angolo retto, simile alle zampe delle formiche

Cosa rappresentano questi disegni? vecchie storie di incontri tra esseri umani e una specie aliena? Creature "aliene", come quelle del 1947 rinvenute a seguito dell'incidente UFO nei pressi di Roswell, New Mexico? o è una sorta di anomalia criptobiologíca apparsa sul nostro pianeta? Potrebbero essere semplicemente delle manifestazioni psicologiche,creazioni dell'inconscio collettivo? Esaminiamo le prove. 
La prova linguistica
"Coloro che sono di Orione" è il presunto significato del termine Nephilim tratto dalla Genesi 6:4 dalla Nuova Bibbia inglese. I ricercatori massonici Christopher Knight e Robert Lomas avevano affermato che l'origine aramaica della parola Nephilia proviene dal nome della costellazione. I Nephilim, sono familiari ai lettori di Zecharia Sitchin. Questo prolifico studioso aveva tradotto il termine sumerico NFL come "coloro che furono gettati sulla Terra" che nella versione del Re Giacomo vennero chiamati " i giganti della terra ". 
Poco prima del diluvio universale," i figli degli dei ", interpretati come degli angeli caduti o Vigilanti, si accoppiarono con" le figlie degli uomini "per generare questi giganti. E' forse una coincidenza che la parola Nephilim suona molto simile alla parola ebraica nemâlâh, che significa formica? 
Se i Nefilim provengono da "Orione", il Popolo Ant potrebbe essere quello inviato dal cielo.Dal momento che la costellazione sorge esattamente ad est, si potrebbe pensare che il nome derivi dalla parola di Orione. In realtà, è ottenuta con la rimozione della "m" iniziale da morui di origine indo-europea e sorprendentemente, questa parola significa formica. 
Forse la costellazione era così chiamata a causa della sua vita antropomorfica che ricorda quella dell'insetto. Gli Hopi chiamavano Orione con il termine Hotòmqam, che significa letteralmente "da appendere" (come perle di una collana) o "tre". Questo "tre" potrebbe fare riferimento alle tre stelle della cintura di Orione, ma anche alle tre strutture anatomiche della formica: testa, torace e addome. La comparsa di Orione attraverso la fessura posta sulla parte superiore del kiva Hopi (camere semi-sotterranee adibite alla preghiera) sincronizzava molte delle loro annuali cerimonie sacre.

Nessun commento :

Posta un commento

Un caffe' e' ben accetto

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...