domenica 3 aprile 2016

Il ruolo del drago volante nella civiltà cinese

flying dragons of China
"So che gli uccelli possono volare, i pesci possono nuotare e le bestie correre." "Ma i draghi non si come facciano a cavalcare il vento e le nuvole nel cielo ". Queste sono le parole del famoso maestro di morale laica Confucio il quale ci parla circa l'importanza del drago volante nella cultura cinese.
Allo stesso tempo, la sua affermazione è una valutazione diretta del saggio Lao Tse , suo contemporaneo, il cui insegnamento di filosofia taoista forma una delle più famose opere intellettuali in Cina. Le teorie cinesi di strategia e leggi naturali sottolineano l'ancestrale superiorità di un onirica dimensione "senza forma". Mentre la tigre, conosciuta come la regina degli animali è considerata avere lo yin primario o il potere terreno, limitato a forze terrene, la forza del drago rappresenta un'energia invisibile, come l'acqua che sgorga o il celeste yang che regna su tutto ciò che immateriale. Allo stesso modo, i principi diffusi e astratti del Taoismo si basano sulla non-intenzione e comprensione dell'essenza delle cose piuttosto che trarre ispirazione dalle forme a noi conosciute. 
I draghi sono parte integrante della cultura cinese ancora prima della nascita della Cina come una nazione unitaria. Ogni anno in tutta la Cina vengono organizzati folkloristici festival per onorare il risveglio del drago, il signore dell'acqua in movimento. Questa lunga tradizione segna l'arrivo della pioggia destinata a nutrire il prossimo raccolto ed è meglio conosciuta come "longtaitou", che significa "il drago che alza la testa". 
Quest'anno, lo scorso 10 marzo sono stati celebrati i festeggiamenti del secondo giorno del secondo mese lunare del calendario tradizionale cinese. 
Cos'è che rende il drago un'icona così fondamentale? Nell'antica tradizione cinese, il drago è una creatura mistica dotata di caratteristiche celesti. Il Drago è il più nobile degli animali e come comandante delle acque, controlla il clima, che è essenziale per una civiltà fondamentalmente agraria come quella cinese . Allo stesso tempo, incarna l'apice della perfetta forza insondabile e la libertà. Nella nomenclatura cinese delle quattro direzioni, un drago blu ha il compito di gestire tutto questo vale a dire le vaste distese acquatiche dell'Oceano Pacifico. Per gli antichi cinesi, questo mare è una fonte inesauribile di risorse e il luogo di ritorno di tutti i torrenti e fiumi presenti sulla Terra. 
 Inoltre, il drago giallo viene raffigurato con cinque artigli come simbolo esclusivo della Maestà Imperiale. Questo animale insieme al suo regale colore rappresenta anche il centro, cioè, la Cina stessa.
Fonte di riferimento:ancient-origins

Nessun commento :

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...