domenica 13 marzo 2016

La prova di civiltà antidiluviane rappresentata dal complesso sottomarino di Yonaguni

yonaguni-1
E 'possibile che il complesso sottomarino di Yonaguni possa essere uno dei tanti' siti megaliti che sul nostro pianeta ci sono stati tramandati da antiche e avanzate civiltà antecedenti il diluvio universale? Molte persone in tutto il mondo sono convinte che queste incredibili rovine subacquee sono opera di antiche civiltà le cui vestigia sono tutt'ora disseminate in varie parti del pianeta .
Come molti altri siti antichi di tutto il mondo che sono stati trascurati dai ricercatori di fama internazionale, le incredibili rovine subacquee di Yonaguni, che si trovano al largo della costa di Yonaguni, la più meridionale delle isole Ryukyu, in Giappone, sono considerate da molti come la prova che in un lontano passato il nostro pianeta era abitato da civiltà estremamente evolute. Queste incredibili rovine sottomarine sono state oggetto di numerosi dibattiti tra gli archeologi e ricercatori da quando sono state scoperte nel 1985 dal docente Kihachiro Aratake. Da quando le strutture misteriose sono state scoperte nei fondali marini antistanti il Giappone, molti ricercatori si sono chiesti se quelle strutture fossero effettivamente delle formazioni artificiali o naturali. 
Alcuni ricercatori e storici ritengono che le strutture di Yonaguni potrebbero essere gli antichi resti di Mu, una leggendaria civiltà del Pacifico che si dice essere svanita improvvisamente nel nulla, inghiottita probabilmente dall'oceano sui cui fondali si nasconderebbero ancora delle maestose rovine. Mentre i ricercatori tradizionali ritengono che queste strutture non sono affatto opera di antiche civiltà scomparse in epoche remote, la ricerca sul complesso sottomarino racconta una storia diversa. Il principale "monumento" individuato presso il complesso sottomarino di Yonaguni è costituito da una serie di blocchi di arenaria appartenenti al Miocene che i ricercatori ritengono, essere stati lavorati circa 20 milioni di anni fa.
Ciò significa che se il monumento di Yonaguni fosse effettivamente una struttura artificiale, come molti suggeriscono, esso è stato scolpito durante l'ultima glaciazione (circa 10.000 anni fa), quando la regione di Yonaguni faceva parte di un ponte di terra che collegava il sito megalitico con Taiwan.
La ragione per cui gli archeologi e geologi tradizionalisti tendono a rimanere scettici circa le origini del complesso sottomarino è dovuto al fatto che la maggior parte delle formazioni sottomarine di Yonaguni sono tutte collegate alla terra ferma come propagine sedimentaria composta da sovrapposti strati di roccia curiosamente squadrata. 
Ciò ha convinto i ricercatori che il monumento di Yonaguni non è stato scolpito dagli abitanti di un'antica civiltà ma piuttosto il prodotto geologico della sovrapposizione di placche tettoniche e la conseguente stratificazione di arenaria. Tuttavia, i video e le immagini del complesso sottomarino sembrano raccontare una storia molto diversa. La caratteristica principale del complesso di Yonaguni è rappresentata da una formazione rettangolare che misura circa 150 di lunghezza per 40 metri di larghezza la cui altezza si aggira sui 27 m. 
Ma cos'è che rende le rovine sommerse di Yonaguni così particolari? Ebbene, a detta di molti, uno dei migliori esempi che si possono trovare presso il complesso sottomarino sono le terrazze a gradoni tutte identiche tra loro e le incredibili superfici piane delimitate da angoli estremamente regolari, particolari questi che a detta di molti non possono essere trascurati e spiegati come una formazione naturale.
È interessante notare che altre anomale strutture sono state individuate nei pressi del complesso sottomarino. Secondo i subacquei, sarebbe stata individuata anche una gigantesca testa, situata a circa due chilometri di distanza dal complesso principale che in un lontano passato avrebbe potuto rappresentare un'enorme statua in qualche modo simile alla Grande Sfinge dell'antico Egitto.
Fonte di riferimento:ancient-code.com
© Fonte Video: 明智光秀

Nessun commento :

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...