mercoledì 28 agosto 2013

Le razze aliene dell'antico Egitto

Di seguito sono riportate alcune divinita' adorate dagli antichi Egizi che molti credono essere di origine extraterrestre:
ANUBIS

Altri nomi: Canini, Kanus.
PROVENIENZA: della costellazione del Cane Minore.
ALTEZZA: 3-6 mt.
PELLE: colore nero simile all'ebano lucido nei maschi, un po 'più opaco nelle femmine.
CRANIO:nei maschi simile a quello di un lupo , con un lungo muso e orecchie lunghe in avanti, e più arrotondate nelle femmine.
CAPELLI: capelli intrecciati, simili alla capigliatura rasta nei maschi.
ABBIGLIAMENTO: Mezzi nudi, con indosso solo una gonna dai colori diversi a seconda della loro funzione, e le scarpe o sandali simili al piombo. Indossano gioielli e bracciali per dimostrare il loro status sociale.
CORPORATURA: Sono molto muscolosi.
RAZZA FELINA 'SEK'
PROVENIENZA: sistema Regulus una stella appartenente alla costellazione del Leone.
ALTEZZA: 2-4 mt.
CAPELLI: Dorati.
ABBIGLIAMENTO: indossano stretti abiti di colore blu con un logo di un disco alato sul petto, stivali neri per i maschi e per le femmine di colore argento.
NOTA: A loro non mi piace agire direttamente. Essi tendono a delegare i compiti agli Human Sirius.

I CARIANI ("Horus", "Hor", "Ra")
Hanno le caratteristice di una razza di uccelli. Il Dr. Malanga gli aveva battezzati con i nomi del dio egizio Horus o Ra. Starr Jelaila.La canalizzazione degli Stati Uniti d'America, si riferisce a loro con il nome di Cariani (Caria) . Secondo Anton Parchi, il nome sumero di questi esseri sarebbe Sukkal.
Lo standard CARIANO misura 4-6 metri di altezza: con questi parametri esso si adatta nella maggior parte della società di marcatura patriarcale.
Precedentente equipaggiati con potenti ali, questa caratteristica venne abbandonanda nel corso della loro evoluzione, aumentando la loro capacità di levitare. Hanno una truttura ossea resistente e l'aspetto del preistorico uccello barocco; hanno le gambe lunghe e braccia munite di artigli (tre dita ciascuno) e in alcuni casi indossano degli anelli o ciondoli a sopo decorativo.
Sulla loro schiena e spalle si trovano due pronunciate lame (in alcuni esemplari), in ricordo delle ali scomparse nel corso della loro evoluzione. Il capo di questi esseri è particolarmente curioso e, per la mancanza di un modello di riferimento lo si descrive come la sintesi dei tre uccelli predatori del nostro pianeta: l'aquila, falco e ibis. Astuto e raffinato, il CARIANO ha due occhi molto sottili e una sorta di "terzo occhio" sulla fronte: una crepa stilizzata a forma di diamante che emette una luce propria che può essere chiuso e aperto a seconda della sua volontà.
Si ritiene che questo "terzo occhio" è la fonte del suo potere telepatico levitativo.
Sul mento può essere vista un'estensione che corrisponde alla mitica e sacra barba del faraone (infatti, le cronache egiziane indicano che l'Egitto era governato in primo luogo dal Neter o dei del cielo, poi da semidei, e, infine, dai discendenti degli uomini di cui sopra ). Questa appendice e' presente solo nei maschi e serve come un serbatoio di acqua e a mantenere stabile la temperatura corporea.
Dietro il collo vi è una membrana a scomparsa che si apre nei momenti di eccitazione o rabbia per impressionare l'avversario, ad esempio durante la lotta, nello stesso modo in cui fanno i nostri Cobra. Questa membrana, infatti, corrisponde alla storica protesi che si puo' notare sul copricapo del faraone.
Il Cariano è creduto di avere la capacità di fondere la vegetazione.
La sua pelle è ruvida, simile a quella della tartaruga di terra, e varia dal marrone scuro al verde scuro, a volte con riflessi elettrici. Raramente indossano dei vestiti, tranne nei rituali di accoppiamento e durante le funzioni pubbliche, nel qual caso il loro aspetto assume una funzione essenzialmente pratica per riflettere il livello gerarchico che occupano.
SISTEMA STELLARE DEI CARIANI
Horus proviene dal sistema stellare ove si trova Alnitak, una delle tre stelle facilmente riconoscibili ad occhio nudo nella cintura di Orione. Alnitak, si trova a 820 anni luce di distanza, ed è la stella più orientale delle tre, mentre Mintaka e' la più occidentale.
La costellazione di Orione è stata ampiamente rappresentata dalle antiche civiltà del nostro pianeta. Secondo la tradizione cinese conosciuta sotto il nome di San Xing ("I tre Astros"), la cosrellazione sarebbe formata da tre rispettive divinità: Lu Xing, la "Stella della Prosperità" (Alnitak), Fu Xing, il "Good Luck Astro "(Alnilam) e Shou Xing, la" Stella della Longevità "(Mintaka).
Alnitak è un sistema stellare multiplo. Nel 1998 si è scoperto che la principale stella, Alnitak A, era in realtà un sistema binario le cui componenti vennero nominate con i nomi di Alnitak Aa e Ab.
La stella multipla Alnitak Aa, è una supergigante blu, la cui massa è uguale a 28 volte il nostro Sole, la cui luminosità è 10.500 volte superiore a quella solare.Si ritiene che le citta' dei Cariani siano illuminate da almeno tre soli. Inoltre ci sono 4 sistema di pianeti, tutti di proporzione maggiore rispetto alla Terra.
Il primo sistema di pianeti e' quello dove vivono i Cariani, il secondo sistema è di colore rosso, il terzo è di colore grigio, e il quarto sembra essere ricoperto di ghiaccio (si era anche sospettato l'esistenza di un quinto e ultimo pianeta super-gassoso). Horus, probabilmente significa "il lontano" ed è la forma latina del termine egiziano Hr, che viene letto Heru o Hor.
Il Mito più diffuso è quello che lo contraddistingue come il figlio di Osiride (Orione) e Iside (Sirio), che ha vendicato combattendo il padre di Seth, al quale strappò un occhio in combattimento.
IL PIANETA DEI CARIANI
Il Pianeta dei Cariani è disseminato da enormi piramidi megalitiche ricoperte dal calcare bianco (o qualcosa di simile) che emergono tra gli alberi di sequoia che coprono l'intera superficie del pianeta, comprese le zone umide o "oceani" (che sono d'acqua dolce e poco profondi), simile alle riserve naturali delle zone umide del Parco Nazionale delle Everglades in Florida.
Il clima del Pianeta delle Cariani è stabile e ha un clima caldo e umido, con due cicli stagionali, uno di tipo monsonico e l'altro asciutto. Precedentemente questo pianeta era molto diverso da oggi.
Non è possibile quantificare il numero esatto delle piramidi sparse sul Pianeta CARIANO (probabilmente ammontano a migliaia). La più grande può raggiungere diversi chilometri di altezza, mentre le più piccole, centinaia di metri. È anche possibile distinguere dei geroglifici scolpiti su queste costruzioni, caratterizzati da uno speciale colore verde-oro. Le piramidi costituiscono il più grande centro di potere amministrativo di ciascuna delle Polis esistenti sul pianeta, che a loro volta sono governate da una figura dittatoriale con il grado di capitano su cui poggia l'intera responsabilità di potere. In cima a queste costruzioni è possibile apprezzare quello che gli archeologi chiamano il piramidión, che è un solido picco piramidale che rappresenta un pezzo della sacra pietra o pietra Benben Primeval, che secondo la mitologia egizia, emerse dalle acque del Nun, un Oceano Primordiale sulla quale era scolpito il dio Atum stesso, dando origine alla sua prima copia Divina. La dimensione di queste piramidi è direttamente proporzionale alla potenza e l'influenza che esercitano.La Piramide più e'grande, più e' potente la quale funge anche da antenna di comunicazione molto potente , in grado di catturare l'Energia Tellurica del pianeta che veniva successivamente riutilizzata come sostentamento energetico delle città (che si trovano sotto la superfice). Queste città divise in regioni, sono capolavori di ingegneria e di sostenibilità che comprendono edifici costruiti interamente nel sottosuolo, fornendo un tessuto urbano semplice ed efficace rinforzato da una tecnologia altamente avanzata.
E' nel sottosuolo il luogo dove avvengono la maggior parte delle attività lavorative CARIANO (legislativo, scientifico, medico e militare), mentre in superficie si sviluppano attività ricreative. Grazie alla sua implacabile e impressionante forza fisica e velocità, uno degli sport preferiti dei CARIANI e' quello di arrampicarsi sugli alberi a tempo di record a centinaia di metri di altezza,, il più delle sfidando altri individui. Questa attività, che ai nostri occhi appare sciocca e assurda, costituisce il riconoscimento di un evento importante e di difesa sociale, che consente l' ascensione gerarchica al vincitore.
In un certo senso queste esibizioni rappresentano delle gesta di coraggio non senza pericolo, che arrivano a provocare gravi lesioni o addirittura la morte stessa dei partecipanti. Questi esseri richiedono grandi quantità di carne e verdure per il loro nutrimento. Nutrire milioni di Cariani non è facile, e in passato ci sono stati casi di cannibalismo durante i periodi di carestia.
Questa pratica è rimasta in uso alla Elite esclusiva come forma di un rituale magico, in cui il corpo del dittatore veniva consumato dal suo successore, per 'acquisire' il suo Spirito. I Cariani hanno cambiato Pianeta più volte, e sono attualmente in via di estinzione, il che non impedisce loro di essere temuti e rispettati da altre razze.

Nessun commento :

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...