domenica 28 luglio 2013

Xibalba, il mondo sotterraneo dei Maya

Per secoli, i popoli che abitavano la Mayab svilupparono una affascinante mitologia per spiegare il mondo che li circondava. In questa particolare comprensione del cosmo, il sangue, i sacrifici,la magia iCal e la fede nel regno dei morti sotterrano avevano formato un sistema di credenze che oggi le consideriamo macabre e affascinanti in egual misura.

Il libro inizia con il mito della creazione maya seguito dalle storie dei due eroi gemelliHunahpu (Junajpu) e Xbalanque (Xb'alanke), figure salienti della mitologia maya. Il libro prosegue con i dettagli della fondazione e della storia del regno Quiché, in cui si cerca di mostrare come il potere della famiglia reale provenga dagli dèi.

Gli antichi Maya avevano sviluppato una mitologia molto complessa, piena di esseri divini e soprannaturali, le cui azioni irrimediabilmente avrebbero influenzata la natura e gli esseri umani. Queste divinità maya erano esseri molto potenti, ma non onnipotenti, perché considerati come gli uomini, per alcune limitazioni fisiche, come la sete o la fame, che potevano essere placate solo con l'azione umana (di solito attraverso sacrifici di sangue). Inoltre, i Maya credevano che queste divinità erano soggette alle nostre stesse passioni tipiche dei comuni mortali, come la rabbia o la gioia. Tra la vasta gamma di dei,oltre al dio del cielo o Itzamná Itzam Na, il Re Sole Kinich Ahaw, dea della luna Ixchel o signore della pioggia Chac,vi era anche un altro gruppo di divinità terrestri, legate alle viscere della Terra e agli Inferi, "il luogo della paura." Ed è proprio questo aspetto della religione Maya a renderla una delle più emozionanti di questa civiltà: il suo notevole interesse e fascino per il "l'altro mondo", attorno al quale girava una miriade di riti, credenze e costumi.
Il Regno degli Inferi
Per gli antichi Maya, la morte non era il fine ultimo dell'esistenza, poiche' ritenevano che l'anima del defunto veniva trasferita nel mondo sotterraneo (chiamato Xibalba da Metnal da Quiche e Yucatec).
L'altro mondo si trovava nelle viscere della terra, nella giungla e attraverso i corsi d'acqua, formando una sorta di sinistro riflesso del mondo dei vivi.
Tuttavia, nonostante questo carattere "dark" il mondo sotterraneo non sarebbe l'equivalente dell'inferno giudaico-cristiano, perché non esiliava l'anima come una sorta di punizione in quanto quel luogo era la sua destinazione naturale.
Questo "altro mondo" è, in definitiva, la regione dei morti, il regno degli dei e degli antenati, che morendo divenivano delle divinita'.
Nel loro viaggio inquietante attraverso il mondo sotterraneo, descritto nel Popol Vuh (il Libro del Consiglio dei Maya Quiche) i gemelli Hunahpu e Ixbalanque avrebbero affrontato uno scenario sinistro pieno di pericoli. Non c'è da stupirsi, come Xibalba è dominato da abitanti terribili.
Secondo il Popol Vuh, i governanti degli Inferi erano degli Vucub Hun Came che insieme a sette coppie di divinità, erano in grado di porre fine alla vita umana sulla terra.  Ahalpuh e Ahalcaná, hanno avuto il ruolo di "uomini in grado di provocare gonfiori e fuoriuscita di pus". Xquiripat e Cuchumaquic (responsabile del sangue), "potevano provocare la perdita di sangue negli uomini".
E così, per completare l'elenco dei sette coppie di divinità dotate di nomi incredibili e macabre. Altri testi Maya come il Chilam Balam di Chumayel (Il libro delle cose nascoste) menzionano altre divinità nella regione dei morti.
Il nome più comune è il kisin ", la flatulenza", un nome che allude alla puzza che emana la morte. Pur essendo la dimora dei morti, gli Inferi non era una regione "di clausura". In effetti, i Maya credevano che a volte, i morti potevano tornare nel mondo dei vivi per intervenire nei loro affari.
Queste "visite" si riflettono in alcune rappresentazioni artistiche come, ad esempio, nella 15 chiamata di Yaxchilan, che mostra una donna che assiste alla comparsa di un morto, accompagnato da un grande serpente che si riferisce alla loro origine. Allo stesso modo, la vita poteva anche eseguire il viaggio inverso, entrando temporaneamente nel territorio delle tenebre, in particolare durante i sogni e le visioni attraverso l'uso di droghe allucinogene. Alcuni di questi luoghi di accesso sarebbero alcuni templi, come i cosiddetti teratomorfi che abbondano nella penisola dello Yucatan. Queste costruzioni simili a grotte artificiali, erano considerate le entrate per il mondo sotterraneo di Xibalba, e accedendo nel loro interno si poteva venire in contatto con gli dei e gli antenati.
Altri edifici dalla struttura labirintica, hanno svolto un ruolo simbolico simile. In questo caso potrebbero essere serviti come arene per la discesa rituale dei governanti Maya verso il mondo sotterraneo di Xibalba.
Queste cerimonie avrebbero avuto lo scopo di commemorare la caduta del gemelli Hunahpu e Ixbalanque permettendo loro di ottenere un modo per legittimare il loro potere.
RITI FUNEBRI
Gli archeologi incaricati di studiare i resti delle usanze mortuarie degli antichi Maya hanno dovuto affrontare delle difficoltà dovute alla grande varietà di tipi di sepolture. I Maya praticavano sia l'inumazione che la cremazione, e le tombe erano costituite da semplici fori nel terreno e da ricche camere funerarie.
Qualcosa di simile accade con le posizioni che avevano i corpi dei defunti che venivano collocati in mille modi diversi.Comunque, nonostante queste diversità, gli studiosi sono stati in grado di determinare alcune caratteristiche in comune. In generale, i morti venivano sepolti nelle loro case o in luoghi dove si era svolto il suo lavoro. In altri casi,dopo una sepoltura iniziale e trascorsi alcuni anni, si eseguiva la sepoltura finale, che poteva essere accompagnata dalla pulizia delloscheletro, eliminando le tracce di carne e di altre adesioni.

Nessun commento :

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...