venerdì 23 novembre 2012

Sciamani siberiani riferiscono di un disastro imminente

Post taken from this link
Nel 1975, il libro di Filosofia intitolato la "fine del mondo" conteneva le predizioni profetiche di sciamani relative ai disastri che avrebbero sconvolto il nostro mondo.

Oltre 30 anni fa il sovietico A.Polotsky aveva scritto una sua teoria circa il leggendario calendario Maya e cercando di interpretare la Bibbia in termini a disposizione dell'umanità. Tutti i contenuti di questo libro, che aveva provocato molto scalpore a Novosibirsk e Irkutsk,Tomsk,Kemerovo,Omsk,Barnaul, si riferivano ai molti casi nella storia della Terra, quando un cataclisma planetario distrusse tutta la vita, apportando un cambiamento attraverso nuove specie e nuove razze di animali e del genere Umano. 
Dopo anni di ricerca l'autore aveva dichiarato che in futuro i disastri del genere si si sarebbero verificati ripetetutamente con con uno spaventoso ciclo.
Nei suoi calcoli teorici A. Polotsk si era basato sul materiale etnografico raccolto, di storie e leggende dei popoli indigeni della Siberia. 
Inoltre, nel suo lavoro, egli si riferisce a Yegor Kuhlina un vecchio eremita che negli anni 70 viveva in quei luoghi, lungo le rive del fiume Yenisei sul confine del Territorio Krasnoyarsk e Tuva, il quale aveva fama di guaritore, profeta e mago. In particolare, Artemy Polotsk nel libro indica la montagna che Yegor Kuhlina riferisce che: "l'oscurità verra' dal cielo, avvolto dal fumo e dal fuoco; dal grembo della terra uscira' un oscurità demoniaca, e quando si incontreranno tra di loro, non affliggera' né il forte né il debole, né il povero né il ricco, né le bestie in gabbia. " Questa terribile profezia predice l' evento quando il "Sole verra' nascosto da tre lune e la Terra arrivera' il freddo e il buio per tre ore."
L'orribile grotta Artemy Polotsk, aveva ipotizzato che l'eclissi solare, che normalmente dura da pochi secondi ad alcuni minuti, questa volta il fenomeno si potrebbe verificare durante l'estate del 2038. 
Questo è l'asse temporale che fa coincidere la Terra, la Luna e il Sole in modo che la luna coprirà la luce del Sole per un lungo periodo di tempo. 
Un fenomeno simile era avvenuto solo durante la potenza dell'impero bizantino, e poco prima della caduta dell'ultimo regno egizio. 
Un ricercatore dipendente di uno degli istituti di ricerca del ramo siberiano dell'Accademia Russa delle Scienze, DM Mezentsev, che aveva studiato alla fine degli anni 80,un gruppo di iscrizioni cuneiformi in una grotta in Tigirekskih sui monti Altai, giunse alla conclusione che l'iscrizioni erano una sorta di descrizione cronologica degli eventi passati e futuri.
Nella metà degli anni novanta, dopo aver messo a punto uno speciale programma per computer, aveva elaborato queste iscrizioni rupestri ottenendo alcuni risultati interessanti. In particolare, i caratteri cuneiformi descrivevano pallide persone che provenivano dall'altra parte,dove il sole tramontava, e che avrebbero dominato per otto secoli.  Gli antichi indovini avevano descritto l'aspetto degli attuali grandi impianti idroelettrici - di Bratsk e Sayano-Shushenskaya - come"la grande acqua, appoggiata da un muro di pietra che chiudeva le foreste, le zone umide, praterie e montagne."
Le iscrizioni cuneiformi descrivevano calamità naturali.  In particolare, si riferivano a grandi terremoti nel 1936, 1989 e 2000, così come gli incendi boreali che hanno imperversato in questa regione a metà degli anni 20 e all'inizio di questo secolo.

Nessun commento :

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...