domenica 18 novembre 2012

Il Regno fantasma di Shambhala

Post taken from this link
A prima vista, potrebbe sembrare strano che gli architetti del Terzo Reich erano interessati a una regione che molti considerano essere il centro spirituale del mondo, fino a quando, secondo la mitologia Thuleana, questo centro è stato una volta la patria ariana nella regione artica, che venne trasferita alla caduta di Atlantide circa 10.800 aC.
Hsi Wang Mu
 

Jye-Po

Le montagne Kun-lunDa allora, il centro spirituale, rimase nascosto alla maggior parte dell'umanità, perche' indegna di conoscere i suoi segreti, e fu la forza principale per controllare il destino del pianeta.
I due regni nascosti di Agartha e Shambhala costituiscono la doppia fonte di potere soprannaturale proveniente dal Tibet, che avevano avuto un posto importante nel ventesimo secolo per l'occulto e la scienza di confine .
Prima di affrontare l'interesse del Terzo Reich su Agartha e Shambhala, è essenziale soffermarsi sul ruolo di Shambhala nel misticismo tibetano in modo di tracciare il percorso di deformazione e degrado, che è stata integrata nel regime nazista dalla cripto-storia.
La Terra degli Immortali
Lo scrittore Andrew Tomas ha trascorso molti anni a studiare i miti e le leggende del Far East, e il suo libro Shambhala: Oasis of Light è un argomento eloquente a favore della reale esistenza del regno.
Nel libro, Andrew Tomas cita gli antichi scritti della Cina, facendo riferimento alla Nu Kua e, prototipi asiatici di Adamo ed Eva "e il loro luogo di nascita nelle montagne del Kun Lun dell'Asia centrale. 
Per quale misterioso motivo un posto desolato, inospitale sarebbe stato scelto come il Giardino dell'Eden in Cina, piuttosto che le regioni più ospitali, come la valle dello Yangtze o la provincia di Shantung?  Andrew Tomas ipotizza che il deserto dei Gobi in un lontano passato fosse ricoperto da un mare interno sulle cui sponde vi fosse una terra fertile. 
Come discusso più avanti in questo articolo, il deserto dei Gobi era un ottimo candidato come sito per ospitare una delle culture piu' antiche e sconosciute la cui saggezza era stata tramandata attraverso i secoli. 
Le montagne Kun Lun occupano un posto importante nella mitologia cinese, in quanto si ritiene che in quei luoghi vivessero degli immortali, governati da Hsi Wang Mu, la Regina Madre d'Occidente.Si racconta che Hsi Wang Mu, chiamata anche Kuan Yin, la dea della misericordia, vivesse in un palazzo di giada di nove piani. Intorno a questo palazzo vi era un ampio giardino in cui cresceva l'albero di pesche dell'immortalità.Solo gli esseri umani saggi e virtuosi erano autorizzati a visitare il giardino e mangiare la frutta, una volta ogni 6.000 anni. Gli immortali, Hsi Wang Mu che cercarono di aiutare e guidare l'umanità verso la saggezza e compassione, avevano corpi perfetti, senza età, e si racconta che erano in grado di viaggiare in qualsiasi parte del mondo, e vivere su altri pianeti del sistema stellare.Come sottolinea Andrew Tomas, il motivo perché gli antichi cinesi credevano che gli immortali potevano viaggiare nello spazio nei loro corpi fisici e proiettare la loro mente, era dovuto al concetto straordinario per l'intrattenimento, in quanto si basava sulla accettazione della pluralità di mondi abitati nel cosmo. Antichi testi cinesi riportano molte leggende sui tentativi di molta gente nell' attraversare il deserto dei Gobi diretti verso le montagne Kun Lun.  Il più famoso di questi ricercatori fu senza dubbio il grande filosofo Lao Tzu (c. 6 ° secolo aC), autore del Tao Te Ching insegnamento taoista, che racconta di aver fatto il viaggio attraverso il deserto del Gobi alla fine della sua vita. Gli archivi del Vaticano,contengono anche molti rapporti di missionari cattolici in materia di deputazioni degli imperatori della Cina verso gli esseri spirituali che vivevanono tra le montagne. 
Questi esseri avevano dei corpi visibili, ma non nella carne: erano degli Dei nati della mente degli Dei, i cui corpi erano composti di materia atomica elementare, che consentiva loro di vivere in qualsiasi parte del mondo, anche tra le stelle. 
I popoli dell'India credono anche sull'esistenza di un luogo di saggezza e di perfezione spirituale o Katapa chiamata Kalapa, e si dice che sia situato in una regione a nord dell'Himalaya in Tibet. Secondo la tradizione indiana, il deserto dei Gobi sarebbe il fondale di quello che una volta era un grande mare, che conteneva un'isola chiamata Sweta-Dvipa (White Island). I grandi yogi che un tempo vi abitavano,vivrebbero ancora in alta montagna e nelle profonde valli che un tempo formavano l'isola di Sweta-Dvipa.
L'isola è stata identificata dagli orientalisti con l'Isola di Shambhala della letteratura Puranic, che si dice di essere nel bel mezzo di un lago di nettare.
Nel XVII secolo, due missionari gesuiti, Stephen Cacella e John Cabral, avevano registrato la presenza di Chang Shambhala, come era stato descritto loro dai lama di Shigatse, dove Cacella aveva vissuto per 23 anni fino alla sua morte nel 1650. (Chang Shambhala significa Northern Shambhala, a differenza della dimora degli adepti spirituali della città chiamata Shambala, a nord di Varanasi, in Indi). Quasi 200 anni dopo, un filologo ungherese di nome Csoma de Koros che aveva vissuto per quattro anni 1827-1830 in un monastero buddista in Tibet, aveva riferito che Chang Shambhala era situata tra il 45 °e 50 ° di latitudine nord, oltre il fiume Syr Darya. 
Le leggende su un centro spirituale nascosto, un'area sacra, i cui abitanti segretamente guidano l'evoluzione della vita sulla Terra sono comuni nelle antiche culture orientali. Lo scrittore Victoria Le Page descrive questo mondo meraviglioso in questo modo: "Da qualche parte al di là del Tibet, tra le vette ghiacciate e le valli isolate dell'Asia centrale, vi è un paradiso inaccessibile, un luogo di saggezza universale e ineffabile pace llamadoShambala. 
E 'abitato da seguaci di tutte le razze e culture che formano un cerchio interno di umanità che guidano segretamente la sua evoluzione.
In quel luogo,secondo le leggende, i saggi sono esistiti fin dall'inizio della storia umana, in una valle di beatitudine che era al riparo dal gelo e venti dell'Artico, dove il clima era sempre caldo e temperato e splendeva sempre il sole, con dell'aria dolce e benefica e fiori lussureggianti.  Solo i più puri di cuore erano autorizzati a trovare questo posto (gli altri, con motivazioni meno idealiste, trovavano solo una tomba di ghiaccio) dove regnava il male, la violenza e l'ingiustizia. Essi posseggono poteri sovrannaturali e una tecnologia avanzata, i loro corpi sono perfetti, e dedicano il loro tempo nello studio delle arti e delle scienze. Il centro spirituale nascosto del mondo lo si trova nell'Induismo, buddismo, taoismo, sciamanesimo e in altre tradizioni antiche. 
Nella religione pre-buddhista Bon del Tibet, Shambhala sarebbe anche chiamata 'Olmolungring' o 'DeJong.  Un tale posto meraviglioso e leggendario,è stato oggetto di molte speculazioni circa l'esatta ubicazione di Shambhala. (E 'improbabile che si trovi in Koros.)
Mentre alcuni occultisti ritengono che Shambhala sarebbe un luogo reale, con una presenza fisica concreta,ubicato in un luogo segreto sulla Terra, altri preferiscono vederlo come esistente su un superiore piano spirituale, che potrebbe essere definito una nuova dimensione dello spazio-tempo che coincide con la nostra. Inoltre, Shambala potrebbe essere considerato uno stato mentale, comparabile alle condizioni in cui era stato considerato il Santo Graal. 
Come per il Graal, forse Shambhala si troverebbe dentro di noi, dove si può avere un'idea della spiritualità più alta insita nell'universo, a differenza del mondo materiale in base al soggetto.
Detto questo, va notato che ci sono alcuni casi di rapporti in cui gli occidentali avevano avuto delle esperienze visive di un luogo che aveva una notevole somiglianza con il mitico Shambala.  Victoria Le Page, nel suo libro su Shambhala, cita un caso particolarmente interessante: la verità affascinante dietro il mito di Shangri-la. Il caso è stato esaminato da un medico,Raynor Johnson , che nel 1960 aveva riportato diverse centinaia di racconti di esperienze mistiche in prima persona. Si tratta di una giovane donna australiana che sosteneva di avere abilità psichiche, ed era conosciuta semplicemente come LCW.
LCW aveva scritto che all'età di 21 anni iniziò a frequentare un luogo che divenne noto come "Night School". Di notte, nel sonno, volò in questo luogo, la cui ubicazione non era conosciuta. Una volta giunta in quel luogo si sarebbe unita ad altri nella danza in seguito riconosciuta come analoga a quella dei "dervisci" insegnata da George Gurdjieff.  Dopo diversi anni, si era laureata in una classe diversa, dove gli venne insegnato delle lezioni spirituali da un grande libro di saggezza. Fu solo anni dopo, quando LCW si interessò alla letteratura mistica, che si rese conto che la posizione vera della Scuola serale sarebbe stata Shambhala.LCW aveva avuto altre visioni in cui aveva visto quello che sembrava essere un albero gigante o antenna, che si estendeva dalla Terra verso lo spazio profondo interstellare. La base di questa antenna si trovava tra le montagne del Pamir e Tienshan, le regioni che sono tradizionalmente associati a Shambhala.  LCW venne condotta verso questa antenna da una guida invisibile, dove vide un albero di energia i cui rami erano in realtà strade che conducevano verso altri mondi, caratterizzati da forme geometriche come cerchi, triangoli e quadrati. Secondo LCW, questa "antenna" sarebbe stata niente di meno che un gateway di altri tempi, altre dimensioni e altre parti di questo universo.  Oltre all'antenna che fungeva da gateway per le anime della Terra che viaggiano verso altri tempi e luoghi,LCW credeva che le anime di altri sistemi nello spazio potrebbero entrare nella sfera della terra per la stessa via, portando con sé le loro influenze spirituali. LCW aveva anche sostenuto che l'antenna poteva essere controllata direttamente dalla mente del viaggiatore, ed estendere una succursale o 'pseudopodo' in risposta ad un pensiero unico.
Questo ramo era diventato un 'percorso di luce' lungo il quale viaggia l'anima, e venne trovato in Cina 30 anni fa.  L'essere spirituale che guidava l'anima spirituale lungo questo percorso aveva spiegato che la terra era in un processo di purificazione, e che un "grande risveglio" stava per accadere.
Questa Guida Spirituale aveva assistito alla caduta apparente di un gruppo di 'stelle' che rappresentavano l'arrivo di "anime superiori scese per aiutarci in caso di necessita'."  La nostra conoscenza della tradizione Shambhálica in Occidente è venuta principalmente da studiosi orientalisti come,
Helena Blavatsky
René Guénon
Jacolliot Louis
Saint-Yves d'Alveydre
Nicholas Roerich
Dal momento che abbiamo già passato un po 'di tempo con Madame Blavatsky, focalizziamo la nostra attenzione sul lavoro degli altri, tra cui Nicholas Roerich (1874-1947), poeta, artista, mistico e umanista, e forse il più famoso e rispettato esoteristi, che ha portato la notizia di questo grande regno agli occidentali. Nato a San Pietroburgo, in Russia nel 1874, Nicholas Roerich veniva da una famiglia distinta la cui capacità di aver risalito alle loro origini dai vichinghi del X secolo, aveva ispirato il suo primo interesse per l'archeologia.
Questo interesse lo aveva a sua volta affascinato per tutta la vita insieme all'arte, attraverso la quale, secondo le parole di PKTampy, aveva scritto una monografia sul Roerich nel 1935. 
Dopo aver frequentato l'Accademia di Belle Arti di San Pietroburgo, Roerich si recò a Parigi per continuare i suoi studi. Nel 1906,aveva vinto un premio per il progetto di una nuova chiesa, e venne ricompensato con la carica di direttore dell'Accademia per lo sviluppo delle Belle Arti di Russia.  Tuttavia, la rivoluzione russa sconvolse il Paese durante una sua visita negli Stati Uniti,per cui non fu in grado di ritornare in patria.  Il profondo interesse di Roerich per il misticismo buddista lo aveva portato a proporre una spedizione nel 1923 per esplorare l'India, Mongolia e Tibet. La spedizione di Roerich del 1923-1926 venne effettuata attraverso il deserto dei Gobi alla volta dei Monti Altai. 
Fu in questa spedizione che Roerich aveva avuto una esperienza molto particolare - una delle molte esperienze che sembrano offrire collegamenti strani e sconcertanti tra elementi apparentemente disparati del paranormale, che ne costituiscono un settore così complesso e affascinante per la ricerca umana. Nell'estate del 1926, Roerich aveva messo allestito il campo con il figlio, il dottor George Roerich, e con diverse guide mongole nella valle del Shara-gol vicino alle montagne Humboldt, tra la Mongolia e il Tibet.
In quell'occasione Roerich aveva costruito una stupa bianca (santuario) , dedicato a Shambhala che fu consacrata nel mese di agosto,con una cerimonia alla presenza di un certo numero di invitati lama.
Due giorni dopo la cerimonia aveva visto un grande uccello nero attraverso il cielo sopra di loro. Questo, tuttavia, non era quello che li aveva maggiormente sorpresi in quanto dietro l'uccello nero, alto nel cielo senza nuvole, era chiaramente visibile un oggetto sferico d'oro in movimento dai monti Altai a nord ad una velocità incredibile. Dopo aver virato bruscamente verso sud-ovest, la sfera dorata scomparve rapidamente al di là delle montagne di Humboldt.
Uno dei lama si rivolse a Roerich informandolo che il favoloso Globo d'Oro era il segno di Shambhala, il che significava che i signori di quel Regno erano in missione di esplorazione.
Più tardi, a Roerich venne chiesto da un altro lama, se sentiva un profumo nell'aria. Quando Roerich confermo' di averlo sentito, il lama gli disse che egli era protetto dal re di Shambhala, Rigden Jye-Po, mentre l'avvoltoio nero era il suo nemico, protetto da una "forma radiante di materia."
Il lama riferi' a Roerich che chi avrebbe visto la sfera luminosa, avrebbe dovuto seguire la direzione in cui era volata, perché in quella direzione si trovava Shambhala. Lo scopo esatto di questa spedizione non era mai stata chiaramente spiegata da Roerich, ma molti scrittori di temi esoterici avevano sostenuto che era in missione per restituire un oggetto acro alla Torre del Re, nel centro di Shambhala. Secondo Andrew Tomas , l'oggetto sacro era un frammento della Pietra Chintamani , la cui struttura si trovava nella Torre. Sorprendentemente, si disse che la pietra era stata originariamente portata sulla Terra da un extraterrestre. Secondo la tradizione, una cassa era caduta dal cielo nel 331, composta da quattro oggetti sacri, tra cui la Pietra Chintamani. Molti anni dopo che la cassa fu stato scoperta, cinque stranieri visitatarono il Re Tho-tho-ri-Nyantsan per spiegare l'uso di questi oggetti sacri.  La pietra di Chintamani si dice che provenisse da uno dei sistemi stellari nella costellazione di Orione, probabilmente Sirius.  Il corpo principale della pietra venne sempre tenuto nella Torre di Shambhala, anche se a volte i pezzi piccoli furono trasferiti in altre parti del mondo, durante il periodo di grandi cambiamenti.
Si dice che il frammento di Chintamani, che Roerich stava per riportare alla Torre era stato in possesso della Società delle Nazioni, di cui Roerich era un membro molto rispettato. 
Le grotte sotto l'Himalaya
Il concetto di un regno sotterraneo è comune in tutte le religioni e mitologie del mondo.Per quanto riguarda il presente studio, identifichiamo un potente antecedente sulle leggende e dicerie esistenti ancora oggi nella mitologia del Tibet. Nel suo libro 1930 Shambhala, Roerich descrive i suoi tentativi di comprendere le origini delle leggende del mondo sotterraneo, "Per scoprire quali ricordi sono stati apprezzati nella memoria popolare." 
Commentando l'ubiquità delle leggende metropolitane egki afferma che quanto più si guarda, quanto maggiore è la convinzione che sono tutti capitoli di un'unica storia'. Attraverso un esame del folklore del Tibet, Mongolia, Cina, Turkestan, Kashmir, Persia, Altai, Siberia, gli Urali, il Caucaso, le steppe russe, Lituania, Polonia,Ungheria,Germania, Francia vengono riportati i racconti degli abitanti terreni.  In molti luoghi, la gente del posto sqrebbe in grado di guidare il viaggiatore curioso verso gli ingressi delle caverne in luoghi isolati, che conducono nel mondo nascosto sotterraneo.
L'Asia centrale è la patria di leggende di una razza sotterranea chiamata Agharti, sui monti Altai sarebbero la dimora dei Chud. In Shambhala, Roerich affermava che "Chud" in russo ha lo stesso significato della parola 'grande'. 
La guida che Roerich aveva condotto attraverso le montagne di Altai aveva riferito che Chud erano originariamente una tribù potente, ma tranquilla, che fiorì nella zona in un lontano passato. 
Tuttavia, questa tribu' cadde preda di bande di predoni e guerrieri, e fuggirono lasciando la sua fertile valle per cercare una terra per continuare la loro civiltà nei regni sotterranei. La guida di Roerich aveva riferito, che in certe occasioni i Chud si potrebbero sentire mentre cantano nei loro templi sotterranei. Altrove sui monti Altai, sulla strada per Khotan, Roerich aveva riferito che gli zoccoli dei cavalli suonavano a vuoto sul terreno, come se calpestassero una grotta enorme.

Nessun commento :

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...