martedì 9 ottobre 2012

COSPIRAZIONE EDEN - il Dio Geova secondo William Bramley

Post taken from this link
"The chilling truth about extraterrestrial infiltration and the conspiracy to keep humankind in chains". "La verità da brivido circa l'infiltrazione extraterrestre e la cospirazione per mantenere l'umanità incatenata." 
L'autore,un avvocato californiano con lo pseudonimo di William Bramley, redasse le principali investigazioni sul tema degli "astronauti ancestrali" e le riunì in una particolare visione conspiratoria della storia. 
La provocante tesi di Bramley che confronta quasi tutte le credenze popolari, è la seguente: "Erano esseri simili agli umani che si sono riprodotti in un pianeta isolato in una remota zona della nostra galassia. Quella razza umanoide fu una volta fonte di manodopera per la civiltà dei Nefilim che l'aveva parificata a alla razza dell'Homo Sapiens. Quando i Nefilin arrivarono sulla Terra modificarono il DNA dell' Homo Erectus e crearono i primi esseri simili a quelli del piccolo pianeta da cui provenivano i Nefilim. Attualmente,la razza dell'Homo Sapiens Sapiens è quella che, apparentemente ha il controllo del pianeta Terra, ma per i Nefilin non è così, perché per mantenere il controllo sul suo possesso e mantenere la Terra come una specie di prigione, quella civiltà ha alimentato un interminabile conflitto tra gli esseri umani,promovuendo la decadenza spirituale e creando sulla Terra condizioni irreversibili di penuria fisica. Questa situazione è esistita per migliaia di anni, e continua ancora fino ai nostri giorni."
(The Gods of Eden).
L'idea che l'umanità fosse il prodotto di un'ingegneria genetica condotta da extraterrestri provenienti da un altro pianeta, sfida tanto l'evoluzione Darwiniana come la Creazione menzionata dalla Bibbia. I dogmi della religione non ci hanno negato la verità circa le nostre origini?  La chiesa Cristiana proclama l'ipotesi onnisciente, del poderoso "Dio",che creó i nostri primi genitori del "fango", in maniera simile a come il vasaio modella l'argilla. Solo quando Adamo ed Eva violarono le regole del suo Creatore furono condannati al dolore, la malattia e alla morte. Per aver disubbidito a questo "Dio" fu condannata anche la discendenza di Adamo ed Eva - e tutta l'umanità ad essere "peccatori." 
Il Cristianesimo riprende la sfortunata storia di Adamo ed Eva dal primo libro della Bibbia Ebraica e Antico Testamento, nella Genesi.
Se interpretiamo letteralmente la Bibbia considerando che si tratta di un documento storico infallibile, essa parla di un "Dio", Geova o Yahvé che, per la sua propria parola, ammette di essere geloso, collerico e vendicativo. 
La paura di Geova, appare enfatizzata costantemente attraverso l'Antico Testamento. Si aspetta da Lui che ricompensi tutti quelli che l'adorano e che mantengono l'osservanza della legge rituale, gratificando i suoi desideri mondani per i possessi materiali e potere.Come si puo' notare questo crudele, sanguinario ed egoista "Dio" si assomiglia molto ai capricciosi Dei Sumeri.
Questo "Dio", troppo umano, ignorava che i suoi apprezzati umani avevano rovinato la sua Creazione dopo che Adamo ed Eva avevano mangiato la "frutta proibita." Il "Dio" dopo questo evento, espulse dal Paradiso i progenitori del genere umano maledicendo la loro discendenza fino al giorno in cui il mondo intero conosciuto anneghera' per via di un diluvio.
Questo "Dio" Geova, come lo storiografo Gibbon descrive nella sua opera "The Declini and Fall of the Roman Empire", è un "essere propenso alla passione e all'errore, capriccioso, implacabile nel suo risentimento, geloso della sua superstiziosa adorazione, che aveva confinato la sua provvidenza ad una semplice persona e alla sua transitoria vita.
"Le ricerche indicano che la Bibbia Ebraica, sembra essere lontana dall' essere un infallibile testo storico creato per un Essere Supremo, risultando essere invece una revisione compilata di due lavori completamente separati. 
Riuniti nel Libro della Genesi esistono due lavori separati conosciuti dagli accademici come le tradizioni del Nord "E" e quelle del Meridionale "J", le quali sono state completate per le revisioni ed inserzioni addizionali. 
Nel "E" vi sono contenuti i passaggi relativi agli Elohim, facendo riferimento alla tradizione pre-giudaica della gente del Nord che esaltavano Elyón, il Più Elevato Dio ed agli altri Elohim. I passaggi corrispondenti a "J", o Jehovistas, descrivono un'entità completamente estranea, il malvagio Geova (YHWH), il "Sig" .
Max. J. Dimont, in "Jews, God and History" scrive: 
"Nel secolo A.C. i sacerdoti Ebrei avevano redatto alcune parti dei documenti 'J' e 'E', aggiungendo una piccola integrazione personale, conosciuta come la frode pia; i documenti risultanti si conoscono come 'JE', poiché "Dio", in questi passaggi, è famoso come 'Jehová Elohim', tradotto come 'Sig. Dio'."

3 commenti :

  1. Questo articolo e' teologicamente non corretto. Mi spiace. Se volete commentare la Bibbia dovete conoscerla dall'antico al nuovo testamento e dovete studiare in modo approfondito il suo VERO significato altrimenti sono parole a vuoto. Geova non e' il nome di Dio ma di un demone (tanto per darvi un'altra dritta).

    RispondiElimina
  2. non sono esperto di teologia comparata...ho solo rebloggato un articolo che ritenevo interessante; se 5 Miliardi di Persone che vivono sulla Terra avrebbero queste conoscenze allora mi spieghi cosa caxxo il Papa? mi parla di Gesu' e va in giro con le scarpe da 3.000.000 di euro? meglio credere al DIO ALIENO ...hai presente E.T.? ;-)

    RispondiElimina
  3. Il nuovo testamento è una coniugazione alle credenze ellenistiche greche vigenti a Roma ai tempi dell' apostolo paolo(cittadino romano) che presentò Dio e gli angeli non più in senso materiale ma eterico e spirituale.
    Gesù e i suoi apostoli viaggiavano armati di spade, a proposito.

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...