giovedì 4 ottobre 2012

Antichi testi sanscriti e le gigantesche città spaziali

Post taken from this link
Dr. Dileep Kumar Kanjilal
I Capitoli 168, 169 e 173 del VANAPARVAN (del Mahabharata) descrivono la battaglia divina tra Arjuna e Asura (o demoni):
"Arjuna ascese al cielo verso gli esseri divini e celesti per imparare la gestione delle armi. Durante questo soggiorno, Indra, signore del cielo, chiese ad Arjuna la distruzione dell'intero esercito degli Asura."
"Gli Asura erano 30 milioni di Demoni che vivevano in fortezze nelle profondità dei mari. Indra, signore del cielo,affido' ad Arjuna il proprio veicolo spaziale che venne pilotato da Matali il suo abile assistente di volo. Questa nave era in grado di muoversi anche sott'acqua. Nella feroce battaglia che ne seguì,piogge diluviali furono provocate dagli Asura, ma Arjuna appronto' un arma divina, in grado di sezionare tutta l'acqua. Gli Asura furono sconfitti, e dopo la battaglia, Arjuna scese verso le città dei demoni sconfitti rimanendo affascinato dalla bellezza e il lusso di queste città subacquee. Arjuna chiese a Matali la storia di queste città, venendo a conoscenza che vennero originariamente costruite dagli dei per il loro uso personale. "Una visione convincente
Capitolo 102 del VANAPARVAN 
Gli Asura erano emersi dalle loro città sotterranee, tormentando l'uomo e gli dei. Quando Arjuna ritornò in cielo con il suo indistruttibile veicolo anfibio,scopri' una città meravigliosa che si muoveva sul suo asse al centro dello spazio. "La città appariva raggiante, bella, piena di edifici, alberi e cascate ed era sorvegliata da vedette munite delle armi più diverse."
Arjuna venne informato circa l'origine di questa splendida città celeste e Brahma Matali lo inforno'personalmente che la città era chiamata Hiranyapura (Citta' d'orata). Il Creatore Onnipotente, Brahma, aveva lasciato che gli Asura abitassero questa città. Ma gli Asura furono istituiti per espandersi in città, lontano da Brahma e dagli altri dei. 
E distrussero la città dei diavoli
E dal momento che Arjuna aveva combattuto i demoni, Matali lo istigo' a distruggere la città spaziale. Quando Arjuna arrivo' nella costruzione spaziale, lotto' contro i demoni con armi potenti:
"Arjuna innesco' una terribile battaglia, durante la quale la città spaziale venne spazzata via dal vento verso terra, sballottata da una parte all'altra, fino a sprofondare nelle profondità. Dopo la lunga battaglia, Arjuna sparo' un proiettile mortale che distrusse l'intera città in mille pezzi, lasciando cadere le macerie sulla a terra. I sopravvissuti di Asura abbandonati tra le rovine, continuarono a lottare duramente e infine Arjuna concluse la battaglia con l'aiuto dei potenti Pasupata distruggendo tutti gli Asura. 
Indra e gli altri Dèi festeggiarono Arjuna come un eroe. 
Anche nel capitolo 3 (versetti 6-10) di Sabhaparvan (parte del Mahabharata) parla delle città celesti. Si dice che Maya, l'architetto degli Asura, aveva programmato con Yudhisthira, il maggiore dei Pandava, una splendida sala di montaggio di metalli in oro, argento e altri, presidiata da 8.000 lavoratori, trasferendola in cielo. Quando Yudhisthira chiese al saggio Narada se una camera cosi' maestosa fosse mai stata costruita prima di allora.Narada rispose che simili sale celesti erano dedicate agli Dèi Indra, Yama, Varuna, Kuvera e Brahma. Secondo il saggio Narada, la sala riunioni di Indra possedeva le dimensioni (espresse in cifre attuali) di 16 miglia di altezza, 1.200 chilometri di lunghezza e 8 km di larghezza. 
E 'incredibile quello che Narada spiega :
"La città di Indra rimase permanentemente nello spazio. Fu costruita interamente in metallo e conteneva edifici, abitazioni e impianti. 
Era così ampia, che piccoli oggetti volanti potevano fare accesso all' interno di essa. La ala riunioni Yama aveva una lunghezza di 750 km, costruita in modo simile, e dotate di tutti i servizi per una vita confortevole ed era circondata da un muro bianco che lampeggiava quando un veivolo era in viaggio attraverso il cielo. La camera di Varuna era sotto l'acqua nelle profondità degli oceani ma mancavano i comfort per una vita lussuosa. La sala riunioni della Kuvera era la più bella di tutto l'universo. Misurava tra i 550 e 800 chilometri, sospesa liberamente in aria, e nel suo interno vi erano palazzi dorati. Ma il luogo d'incontro più fenomenale era quello di Brahma poiche' era il più difficile da raggiungere e sembrava un vero quadro mentre si muoveva attraverso l'universo con il sole e la luna pallida nelle sue vicinanze. " 
Mentre i riferimenti a città sottomarine sembrano del tutto realistici, data la tecnologia attuale, la descrizione delle gigantesche città spaziali sembra del tutto fantastico. Dal punto di vista scientifico non si puo' constatare che in quei libri del Mahabharata vengono descritte almeno cinque città del genere, costruite da tecnici e in grado di rimanere in aria per anni. 
Erano dotate di tutti i comfort, ma anche di armi terribili. 
Si scopre che nei testi sacri, questo "insieme di persone" si trova nello spazio e vengono citate in connessione con le divinità celesti. Tali sale riunioni non erano certo sulla terra. 
Gli stiamo imitando
La nostra tecnologia moderna solo adesso sta iniziando l'approccio teorico con questo livello tecnologico appartenente a mondi antichi. Ad esempio, il Dipartimento di Ricerca Spaziale della Stanford University sta studiando la possibilità di inviare una città artificiale in orbita intorno al nostro pianeta. Il Professor Gerard O'Neill, presso l'Istituto di Fisica dell'Università di Princeton, ha stimato, inoltre, che una città satellite di questo tipo, di 30 chilometri di lunghezza, con una capacità di un milione di abitanti, non sarebbe affatto irreale. La descrizione di questi tipi di città che volano appare da tempi immemorabili nei poemi epici dell'India antica,sulla cui autenticità non vi e' alcun dubbio. L'unica difficoltà sta nelle esatte espressioni di trascrizione moderne vaihayasi come (mosca), gaganacara (aria) o vimana (oggetto volante) che solo la tecnologia moderna ha permesso una traduzione ragionevole.
La deduzione logica da trarre da tutto questo è: nei tempi antichi, la terra avrebbe dovuto essere una civiltà fiorente con sufficienti conoscenze scientifiche per costruire oggetti volanti e lanciare satelliti e città spaziali. Tali civiltà potrebbero essere scomparse per via di qualche catastrofe sconosciuta. 
Dr. Dileep Kumar Kanjilal l'autore di questo articolo ha studiato presso il Collegio sanscrito di Calcutta ottenendo il dottorato presso l'Università di Calcutta, per poi approfondire i suoi studi a Oxford. 
E 'stato professore di sanscrito presso il Collegio della Chiesa scozzese a Calcutta, il Victoria College e professore presso Coochbehar sotto la responsabilità del governo sanscrito bengalese. Ha pubblicato numerose opere in lingua inglese, tra cui Vimana in Ancient India.

Nessun commento :

Posta un commento

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...